Detrazioni fiscali 2020: salta la proroga al 31 marzo per l’uso del contante

E’ ufficialmente saltata la moratoria che secondo indiscrezioni il Decreto Milleproroghe avrebbe dovuto concedere ai pagamenti in contanti sostenuti dal 1 gennaio al 31 marzo 2020. Non vi è infatti alcuna traccia degli emendamenti che affannosamente il Governo avrebbe dovuto inserire, saltati sia per la difficoltà di individuare le sufficienti coperture sia per le frizioni interne.

Restano quindi disattese le richieste della Consulta dei CAF che a gran voce insisteva su un periodo transitorio per far sì che i contribuenti potessero informarsi ed adeguarsi a questo nuovo obbligo.

La più ovvia conseguenza è che tutte le spese pagate in contanti, non solo quelle mediche, non saranno riportabili in dichiarazione dei redditi, ad eccezione di quelle che non ricadevano in tale casistica (si vedano quelle farmaceutiche o sostenute verso strutture sanitarie pubbliche).

A meno di provvedimenti retroattivi futuri dunque contribuenti, CAF ed intermediari dovranno rassegnarsi.

 

 

 Vincenzo D’Anzica

Dottore Commercialista e Revisore Contabile